Home Notizie Documenti

logo caserta

Sindacale Area Riservata Zootecnia Fiscale Tecnico - Economico

Fabbricati rurali, anche ai fini dei tributi dei Consorzi di Bonifica la rendita catastale è zero.

 

Le modifiche legislative degli ultimi anni in tema di ruralità dei fabbricati e del loro accatastamento hanno prodotto non poche incertezze sia sul piano di quali adempimenti dovevano fare le aziente che sulla "rilevanza" che avevano le rendite sia domenicali che agrarie improvvisamente comparse negli estratti affianco ai fabbricati rurali che da sempre riportavano un confortante "zero".

Il Ministero delle Finanze ha sempre confermato che il nuovo sistema si capolvolgeva e non erano i fabbricati a dover avere un requisito di ruralità ma bensi coloro che li usavano e l'uso che ne veniva fatto. Tutto chiaro anche se contorto, però le rendite sono sempre lì sull'estratto e possono essere utilizzate da enti impositori in modo maldestro, non potendo, dall'estratto sapere se il fabbricato mantiene ancora la ruralità.

La riflessione fatta ci ha portato a controllare come i Consorzi di Bonifica stanno trattando la materia.

Da quanto ci risulta se il contribuente non si attiva la tassazione avviene anche sui fabbricati A6 che sulle pertinenze D10 o anche erroneamente accatastate D8, tutto in automatico basato sul fatto che i dati li ricevono ogni anno aggiornati dal Catasto.

Come noto gli accatastamenti dei fabbricati rurali nel Catasto Fabbricati dal 1990 sono avvenuti in "caso d'uso" cioè per vendite, successioni(non sempre), miglioramenti finanziati dal PSR e dovranno essere completati entro l'anno, sempre se non ci saranno proroghe.

Come noto gli accatastamenti dei fabbricati rurali nel Catasto Fabbricati dal 1990 sono avvenuti in "caso d'uso" cioè per vendite, successioni(non sempre), miglioramenti finanziati dal PSR e dovranno essere completati entro l'anno, sempre se non ci saranno proroghe.

arianova1

Il consiglio che ci sentiamo di dare è di inoltrare una richiesta al Comune dove sono presenti i fabbricati rurali e farsi attestare che mantengono il requisito di ruralità, che richiede queste condizioni:

  • abitazione del conduttore o degli operai o sede della società o abitazione degli amministratori;

  • utilizzata per attività agrituristica o comunque connessa all'attività agricola;

  • pertinenza;

  • ricovero degli attrezzi;

  • o comunque strumentale all'attività agricola e a quelle connesse alla stessa

Alla richiesta seguirà un sopralluogo mirante a costatare l'uso effettivo del fondo e dei fabbricati, oltre ai requisiti personali di chi li conduce e porterà alla emissione di un certificato che farà riferimento ad una Risoluzione del Ministero dell'Economia e delle Finanze n°3448/2004 del 19 maggio 2005 che potete scaricare.

Con gli attestati dei fabbricati andrà poi richiesto ai Consorzi di rettificare la contribuzione richiesta per gli ultimi cinque anni.

Gli uffici dell'Unione sono a disposizione per qualunque ulteriore chiarimento.

 

 

enapa

 

 

 

 

pomodori3.jpg (3643 byte)

 

 

olive1.jpg (8103 byte)

 

 

hungary2[1].jpg (10119 byte)