Home Notizie Documenti

logo caserta

2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Prima Pagina

img_1012“Si rischia lo stop dei controlli sulla brucellosi bufalina: il sistema deve essere rinnovato”

 

La denuncia di Confagricoltura Campania, all’Assessore Amendolara,  si chiede l’istituzione del veterinario aziendale e di una banca dati del DNA delle bufale

 

Napoli, 22 febbraio 2011

La sezione degli allevatori bufalini di Confagricoltura Campania ha inviato nelle scorse ore una lettera all’Assessore Regionale all’Agricoltura Vito Amendolara denunciando il rischio di uno stop dei controlli sulla brucellosi bufalina da parte della Regione Campania e suggerendo possibili rimedi.

bufala1“Il sistema fa acqua da tutte le parti. – afferma Nicola Cecere, rappresentante degli allevatori bufalini - Basti pensare che è dalla metà di dicembre 2010 che i controlli sono fermi o a rischio, nonostante le reiterate richieste degli allevatori, per mancanza di veterinari convenzionati.

Tutto ciò non può essere tollerato.

Abbiamo chiesto pertanto – continua Nicola Cecere - che la Regione Campania cambi registro e istituisca un albo dei veterinari che ne fanno richiesta,  da convenzionare con le ASL, autorizzati quindi ad effettuare le profilassi di Stato. In tal modo le aziende agricole potranno scegliere dall’Albo il veterinario a cui affidarsi per l’effettuazione delle profilassi per la brucellosi e gli altri controlli sanitari, ferme restando tutte le prescrizioni e procedure previste dalla legge.

Il veterinario incaricato potrà ricevere anche altri incarichi professionali all’interno della stessa azienda al fine di assicurare una gestione accurata e completa della sanità aziendale.

Non abbiamo bisogno di badanti a pagamento – afferma Nicola Cecere - ma del buon funzionamento della macchina amministrativa e della buona gestione dei fondi pubblici.” 

 

Nel documento Confagricoltura Campania chiede anche l’istituzione di una Banca Dati del DNA di tutti i capi bufalini allevati in Campania, la definizione, divulgazione e pubblicazione sul sito della Regione Campania del protocollo per l’effettuazione delle vaccinazioni, lo scorporo della delega del Servizio Veterinario ed alla Sicurezza Alimentare dall’Assessorato alla Sanità per attribuirla all’Assessorato all’Agricoltura e interventi per il miglioramento delle strutture aziendali.

“Negli ultimi anni – dichiara Michele Pannullo, Presidente di Confagricoltura Campania - gli allevatori hanno aderito con convinzione ad un impegnativo programma di adeguamento degli allevamenti per garantire il rispetto di tutte le norme sanitarie e di tutela ambientale e non è accettabile che questo percorso, fortemente oneroso, possa essere vanificato da improvvise o storiche disfunzione da parte degli uffici preposti al controllo.”

Confagricoltura si dice “più che favorevole” agli interventi per il miglioramento delle strutture aziendali che prevedono la realizzazione di vasche di disinfezione, sale parto e infermerie all’interno delle aziende. “Va però definito – conclude Cecere - a priori quali debbano esserne le caratteristiche oggettive di tali strutture, in modo da evitare che gli interventi effettuati vengano poi ritenuti non conformi dagli organi di controllo. Per tali interventi risulterebbe agevole l’utilizzazione, per la Provincia di Caserta, dei Fondi FAS già destinati al completamento del risanamento sanitario dalla brucellosi bufalina, mentre per gli altri comparti e per il restante territorio campano andrebbero reperite le risorse necessarie “

 

 

enapa

 

 

 

 

pomodori3.jpg (3643 byte)

 

 

olive1.jpg (8103 byte)

 

 

hungary2[1].jpg (10119 byte)