Home Notizie Documenti
 

 

logo caserta
Sindacale Area Riservata Zootecnia Fiscale Tecnico - Economico

 

mucca21REGIME COMUNITARIO DELLE QUOTE LATTE.

Anteprima del Bando per l’assegnazione delle quote disponibili alla riserva regionale per la campagna 2011/2012 in applicazione della deliberazione di Giunta Regionale n. 1469 del 22.09.2006 il provvedimento non è ancora ufficiale ma presto sarà approvato.
 

Art. 1

(Finalità dell’intervento)

La Giunta Regionale della Campania con deliberazione n.1469 del 22.09.2006 ha definito le procedure per l'assegnazione delle quote disponibili alla riserva regionale, in applicazione della legge n.119/2003 e s.m.i.

I produttori latte vaccino della Regione Campania, con reali e manifeste esigenze di incremento dei propri livelli produttivi ed in possesso dei prescritti requisiti, possono presentare apposita istanza secondo le modalità stabilite con il presente bando.

 

Art. 2

(Quote disponibili alla riserva regionale)

Le quote disponibili alla riserva regionale, distinte per le differenti zone omogenee e all’interno di ognuna di esse per quota consegne e quota vendite dirette, sono di seguito indicate:

 

 

Consegne kg

Vendite dirette kg

Zona di pianura

da definire

0

Zona svantaggiata

da definire

0

Zona di montagna

da definire

da definire

 

Art. 3

(Soggetti beneficiari)

I produttori latte vaccino della Regione Campania per accedere alle graduatorie di assegnazione devono presentare apposita istanza ai Settori Tecnici Amministrativi Provinciali dell’Alimentazione (Settori Alimentazione) competenti per territorio provinciale indicando la quota di cui si richiede l’assegnazione. Possono presentare istanza anche gli allevatori non titolari di quota, purchè giovani imprenditori secondo la definizione di cui all'art. 5 del presente bando.

La competenza provinciale è determinata dalla particella catastale su cui è ubicata la stalla ed il codice aziendale assegnato dalla Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) competente per territorio, ai sensi dell’art. 2, comma 1, del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 31 Luglio 2003 e successive modifiche ed integrazioni.

 

Art. 4

(Requisiti generali richiesti)

Il produttore deve essere in regola con gli obblighi di versamento del prelievo supplementare e con quanto previsto dalla vigente normativa sanitaria in materia di produzione ed immissione sul mercato di latte e di prodotti a base di latte.

La capacità produttiva aziendale deve essere superiore alla quota individuale di cui risulta titolare l’azienda, come registrato nel Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN), alla data del 1° Aprile 2011.

La capacità produttiva aziendale è determinata moltiplicando il numero medio di lattifere – le cui produzioni sono destinate ad essere commercializzate tal quali o trasformate - presenti in allevamento al momento della presentazione dell’istanza per la media provinciale ad anno calcolata sulla totalità dei capi presenti in allevamento come rilevabile dall’ultimo “Bollettino dei controlli della produttività del latte” delle statistiche ufficiali A.I.A. (Associazione Italiana Allevatori) riferita ad ogni provincia di ubicazione della stalla.

La quota individuale, alla data del 1° Aprile 2011, non deve essere superiore al limite di trenta tonnellate annue per ogni ettaro di superficie agricola utilizzata, con esclusione della superficie destinata a boschi, frutteti o comunque a colture arboree.

Il vincolo quota/superficie, per le assegnazioni di cui al presente bando, non si applica alle aziende ricadenti nei territori di cui all’art. 20 del Reg. CE n. 1257/99, riclassificati come zone di pianura dalla legge 119/2003 ai soli fini dell’applicazione del regime delle quote latte.

Non possono beneficiare delle assegnazioni di quota i produttori che, a partire dal periodo 1995/96, abbiano venduto, affittato o comunque ceduto per un periodo superiore a due annate, in tutto o in parte, le quote individuali di cui erano titolari.

Non possono beneficiare delle attribuzioni di quota, inoltre, coloro i quali sono risultati assegnatari di un quantitativo, in totale, pari o superiore a 20.000 kg per le campagne  2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011.

I produttori che hanno usufruito di un quantitativo inferiore a 20.000 kg per le tre campagne suddette, possono usufruire di nuove attribuzioni nei limiti della differenza fra il quantitativo già attribuito ed il limite dei 20.000 kg summenzionato, fermo restando quanto previsto all’art. 12 del presente bando.

 

Art. 5

(Requisiti specifici richiesti)

Possono accedere alle graduatorie di cui all'art. 11 i produttori in possesso, oltre ai requisiti  generali di cui all'art. 4, di almeno uno dei seguenti requisiti specifici, fermo restando quanto stabilito all'art. 12 del presente bando:

  •  hanno subito la riduzione della quota B, ai sensi del decreto legge 23 Dicembre 1994 n. 727 convertito con modificazioni dalla legge 24 Febbraio 1995 n. 46;
  •  sono giovani imprenditori agricoli (*) anche non titolari di quota;
  •  hanno stipulato contratti di affitto di sola quota in corso di periodo per la campagna  2009/2010 o contratti di acquisto di sola quota per la campagna 2010/2011;
  •  le aziende che hanno prodotto più del 95% della propria quota individuale nella campagna 2009/2010.

Art. 6

(Presentazione delle istanze)

Le istanze redatte in carta semplice - conformemente all'allegato modello A - e con firma autenticata ai sensi dell'art. 38 del D.P.R. n. 445/2000 e smi, devono essere inviate, a pena di esclusione, singolarmente e complete di tutta la documentazione prevista, a mezzo raccomandata postale A/R  direttamente agli uffici competenti entro il 30° giorno successivo alla pubblicazione del presente bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania. A tal fine fa fede la data del timbro postale.

Le istanze inviate dopo il termine suindicato e/o con modalità differenti da quella sopra richiamata saranno dichiarate irricevibili. Il termine entro il quale devono essere inviate le istanze è spostato al primo giorno feriale utile qualora la scadenza coincida con un giorno festivo.

L’Amministrazione regionale non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatta indicazione del recapito da parte del richiedente oppure da mancata o tardiva comunicazione né per eventuali disguidi postali in ogni modo imputabili di fatto a terzi, a caso fortuito o di forza maggiore né per la mancata restituzione dell’avviso di ricevimento della raccomandata.

Le istanze devono essere inviate ai competenti uffici il cui indirizzo è di seguito indicato:

Ø      per le aziende in provincia di Avellino: Settore Tecnico Amministrativo Provinciale dell'Alimentazione, Centro Direzionale, Collina Liguorini, 83100 AVELLINO;

Ø       per le aziende in provincia di Benevento: Settore Tecnico Amministrativo Provinciale dell'Alimentazione, Via Trieste e Trento 1, 82100 BENEVENTO;

Ø      per le aziende in provincia di Caserta: Settore Tecnico Amministrativo Provinciale dell'Alimentazione, Centro Direzionale - Loc. San Benedetto, 81100 CASERTA;

Ø      per le aziende in provincia di Napoli: Settore Tecnico Amministrativo Provinciale dell'Alimentazione, Centro Direzionale di Napoli, isola A/6 (piano 12), 80143 NAPOLI;

Ø      per le aziende in provincia di Salerno: Settore Tecnico Amministrativo Provinciale dell'Alimentazione, Via Generale Clark, 103 - 84131 SALERNO.

I produttori partecipano alla assegnazione delle quote di cui all'art. 2 del presente bando relativamente ad una sola delle due graduatorie consegne o vendite dirette a seconda dell’indicazione fornita all’atto della presentazione dell’istanza e per i quantitativi disponibili nell’area omogenea di appartenenza della propria azienda.

 

Art. 7

(Documentazione da allegare alle istanze)

Le istanze devono essere corredate, per la verifica del limite di trenta tonnellate di quota per ogni ettaro di superficie agricola utilizzata (SAU), dell'allegato modello A/1 in cui sono dettagliate le superfici aziendali detenute a titolo di proprietà o affitto. Sono escluse dalla presentazione di detto modello le aziende ricadenti nei territori di cui all’art. 20 del reg. (CE) n. 1257/1999.

Nel caso dei contratti di affitto di cui al capoverso precedente - con scadenza anteriore al limite temporale di 5 anni a decorrere dal 1° Aprile 2011 - il produttore interessato deve allegare all’istanza di presentazione di cui all’art. 6 un atto di proroga del contratto la cui validità è sufficiente a coprire il richiamato limite temporale minimo di 5 anni. All’esito positivo dell’assegnazione di quota dal bacino regionale il produttore interessato esibisce prova dell’avvenuta registrazione del contratto, pena la revoca della quota assegnata.  

Le società di giovani imprenditori agricoli organizzati in forma societaria, come definite all'art. 5, e le società in possesso dei requisiti per poter beneficiare del punteggio riservato ai produttori di sesso femminile, come definite all'art. 10, devono presentare, altresì, idonea documentazione probatoria atta a giustificare l'attribuzione del punteggio indicato allo stesso articolo 10.

 

Art. 8

(Istruttoria delle istanze)

I Settori Alimentazione effettuano l’istruttoria delle istanze pervenute verificando i dati dichiarati e la documentazione prodotta anche attraverso l’accesso diretto alle specifiche banche dati di altre Amministrazioni (fascicolo aziendale, BDN, registro pubblico delle quote, ecc.).

I Settori Alimentazione, all’esito delle fasi istruttorie, comunicano agli interessati l’eventuale non ammissione alla graduatoria regionale nei modi e nei termini di cui alla legge n. 241/90 e successive modifiche ed integrazioni con l’espressa indicazione dei motivi ostativi del mancato accoglimento dell'istanza.

Per le istanza risultate ammissibili alla graduatoria regionale i Settori anzidetti,  provvedono a trasmettere al Settore Interventi per la Produzione Agricola, Produzione Agro-Alimentare, Mercati Agricoli, Consulenza Mercantile (Settore I.P.A.), entro e non oltre il 31 Gennaio 2011, l’elenco degli ammessi formalizzato con apposito provvedimento, sia su formato cartaceo che su supporto informatico. A tal fine il Settore IPA fornisce apposite indicazioni per la predisposizione di tale elenco .

Ai Settori Alimentazione competono, altresì, le verifiche di cui all’art. 71 del D.P.R. n. 445/2000 e smi sulle dichiarazioni sostitutive di certificazione e/o di atto di notorietà rese dai richiedenti con la presentazione delle istanze.

 

Art. 9

(Criteri per la formazione degli elenchi provinciali)

Gli elenchi provinciali dei produttori ammessi alla graduatoria regionale sono distinti per zone omogenee, come definite dalla legge n. 119/2003 e s.m.i e dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 31 Luglio 2003 e s.m.i., sia per le consegne che per le vendite dirette.

Le zone individuate, pertanto, sono:

A.     Zone di pianura;

B.     Zone svantaggiate;

C.    Zone di montagna;

Le priorità di attribuzione riconosciute, ai sensi della delibera di Giunta Regionale della Campania n. 1469 del 22.09.2006, per ognuna delle zone summenzionate sono le seguenti:

A)    Zone di pianura

1)     i produttori titolari di quota latte che hanno subito la riduzione della quota B, ai sensi del decreto legge 23 Dicembre 1994 n. 727 convertito con modificazioni dalla legge 24 Febbraio 1995 n. 46, nei limiti del quantitativo ridotto;

2)     i giovani imprenditori agricoli anche non titolari di quota;

3)     i produttori che hanno stipulato contratti di affitto di sola quota in corso di periodo per la campagna 2009/2010 ed i produttori che hanno stipulato contratti di acquisto di sola quota per la campagna 2010/2011, nei limiti del 100% della quota acquisita, fermo restando quanto stabilito dagli artt. 4 e 12 del presente bando;

4)     le aziende che hanno prodotto più del 95% della propria quota individuale nella campagna 2009/2010, nei limiti del quantitativo prodotto che ecceda il suddetto 95%, fermo restando quanto stabilito dagli art. 4 e 12 del presente bando;

5)     l’eventuale disponibilità residua alimenta i quantitativi da riattribuire per le zone di cui alle lettere B e C in misura proporzionale alle quote disponibili di cui all'art. 2 del presente bando.

B) Zone svantaggiate

1)     i giovani imprenditori agricoli anche non titolari di quota;

2)     i produttori che hanno stipulato contratti di affitto di sola quota in corso di periodo per la campagna 2009/2010 ed i produttori che hanno stipulato contratti di acquisto di sola quota per la campagna 2010/2011, nei limiti del 100% della quota acquisita, fermo restando quanto stabilito dagli art. 4 e 12 del presente bando;

3)     le aziende che hanno prodotto più del 95% della propria quota individuale nella campagna 2009/2010, nei limiti del quantitativo prodotto che ecceda il suddetto 95%, fermo restando quanto stabilito dagli art. 4 e 12 del presente bando;

4)     l’eventuale disponibilità residua alimenta i quantitativi da riattribuire per le zone di cui alla lettera C;

C) Zone di montagna

1)     i giovani imprenditori agricoli anche non titolari di quota;

2)     i produttori che hanno stipulato contratti di affitto di sola quota in corso di periodo per la campagna 2009/2010 ed i produttori che hanno stipulato contratti di acquisto di sola quota per la campagna 2010/2011, nei limiti del 100% della quota acquisita, fermo restando quanto stabilito dagli art. 4 e 12 del presente bando;

3)     le aziende che hanno prodotto più del 95% della propria quota individuale nella campagna 2009/2010, nei limiti del quantitativo prodotto che ecceda il suddetto 95%, fermo restando quanto stabilito dagli art. 4 e 12 del presente bando;

4)     eventuali quote ancora disponibili rientrano nella riserva regionale.

 

Art. 10

(Punteggi attribuibili)

Gli elenchi provinciali dei produttori ammessi alla graduatoria regionale sono redatti,  per ciascuna zona omogenea, sia per le consegne che per le vendite dirette, in base ad un punteggio attribuito sulla scorta dei fattori di valutazione indicati nella seguente tabella.(riportata in calce)

 

Art. 11

(Formazione delle graduatorie regionali)

Il Settore I.P.A., sulla scorta degli elenchi provinciali approvati dai Dirigenti dei Settori Alimentazione competenti, provvede a redigere e formalizzare con proprio provvedimento le graduatorie regionali distinte per zone omogenee, sia per le consegne che per le vendite dirette, dei produttori beneficiari delle assegnazioni.

A parità di punteggio la graduatoria regionale è ordinata in base all’età dei titolari o dei rappresentanti legali dell’azienda a partire da quello più giovane di età riferita al momento della presentazione dell’istanza. Per i giovani organizzati in forma societaria la priorità, sempre a parità di punteggio, è data in base alla data di costituzione della società stessa a partire da quella meno recente.

In caso di ulteriore parità in graduatoria è data priorità all’istanza presentata in data antecedente.

 

Art. 12

(Assegnazioni)

Le assegnazioni di quota hanno effetto, ai sensi dell’art. 3, comma 6, della legge 119/2003 e smi, a decorrere dal periodo immediatamente successivo a quello in corso al momento della comunicazione agli interessati del relativo del provvedimento amministrativo di attribuzione della quota stessa.

Non si procede ad effettuare assegnazioni di quota per quantitativi inferiori a 5.000 kg e superiori a 20.000 kg per azienda, ad eccezione delle assegnazioni:

  • a favore di produttori titolari di quota latte che hanno subito la riduzione della quota B, ai sensi del decreto legge 23 Dicembre 1994 n. 727 convertito con modificazioni dalla legge 24 Febbraio 1995 n. 46, di cui al punto A1, dell'art. 8, del presente bando;
  • a favore di produttori che risultano assegnatari di quota ai sensi dei punti A/4, B/3 e C/3, dell’art. 9, sempre del presente bando, per i quali il limite minimo è fissato a 2.000 kg;
  • dei quantitativi residui da assegnare a favore dell'ultimo produttore utilmente collocato in graduatoria.

Non si procede, inoltre, ad effettuare assegnazioni di quota oltre i limiti determinati dalla capacità produttiva aziendale accertata. Non si procede, altresì, ad effettuare assegnazioni di quota  oltre i limiti che determinano il superamento di trenta tonnellate annue per ogni ettaro di superficie agricola utilizzata, con esclusione della superficie destinata a boschi, frutteti o comunque a colture arboree; il vincolo quota/superficie non si applica alle aziende ricadenti nei territori di cui all’art. 20 del Reg. CE n. 1257/1999.

I produttori assegnatari di quota ai sensi del presente bando non possono affittare, vendere, o costituire in comodato o in soccida, in tutto o in parte la propria quota individuale disgiuntamente dall'azienda, pena la revoca della quota assegnata ed il rientro della stessa nella disponibilità del bacino regionale.

L’elenco dei beneficiari delle assegnazioni effettuate è pubblicato sul B.U.R.C. e sul sito della Regione Campania www.sito.regione.campania.it/agricoltura nella sezione quote latte e ha valore di notifica a tutti gli effetti di legge anche per i produttori che pur collocati in graduatoria non risultano assegnatari di alcun quantitativo di quota per esaurimento delle disponibilità della stessa al bacino regionale.

 

 

Art. 13

(Disposizioni finali)

Il presente bando costituisce lex specialis e, pertanto, la richiesta di assegnazione della quota di cui alle presenti disposizioni comporta implicitamente l’accettazione, senza riserva alcuna, di tutte le condizioni e prescrizioni ivi contenute.

Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente bando si rinvia a quanto disciplinato con deliberazione n.1469 del 22.09.2006 ed alle disposizioni contenute nella normativa vigente in materia.

Tabella art.10     

 

FATTORI DI VALUTAZIONE

PUNTEGGIO

Età del titolare o del rappresentante legale al momento della presentazione dell’istanza (max punti 10)

                                                          < 30 anni                                            

                                                          >30 anni e < o uguale a 40 anni

                                                          >40 anni e < o uguale a 50 anni

                                                          >50 anni e < o uguale a 60 anni

                                                          >60 anni

 

 

10

8

6

4

0

Sesso femminile

Sono considerate di sesso femminile anche:

a)      le società semplici, di persone e cooperative la cui compagine sociale è costituita da donne per oltre il 60 %;

b)      le società di capitali in cui i 2/3 delle quote di partecipazione al capitale appartengono a donne e i 2/3  degli organi di amministrazione sono costituite da donne.

10

Azienda ricadente in area interessata dalla produzione di formaggi di latte vaccino, ai sensi del reg. (CE) n. 510/2006 o in corso di registrazione presso l'UE con protezione transitoria nazionale, ad esclusione delle produzioni per le quali i relativi disciplinari abbracciano l’intero territorio regionale (max punti 20).

                                                      Azienda ricadente in due aree

                                                      Azienda ricadente in una sola area

                                                      Azienda non ricadente in alcuna area

 

 

 

 

 

20

10

0

Quota individuale (max punti 10)

                                         Q.I. fino a 50.000 kg

                                         Q.I. > di 50.000 e < o uguale a 100.000 kg

                                         Q.I. > di 100.000 e < o uguale a 200.000 kg

                                         Q.I. > di 200.000 e < o uguale a 300.000 kg

                                         Q.I.> di 300.000 e <  o uguale a 400.000 kg

                                         Q.I.>  di 400.000 e < o uguale a 500.000 kg

                                         Q.I > di 500.000

 

10

8

6

4

2

1

0

Aziende agricole gestite da giovani imprenditori organizzati in forma societaria secondo la definizione di cui all'art. 5 del presente bando

 

50

TOTALE

Max 100

 

Note


(*) Sono considerati giovani imprenditori agricoli ai fini dell’attribuzione delle quote indicate nel presente bando:

  • le persone fisiche che non hanno ancora compiuto 40 anni;
  • le società semplici, di persone e cooperative in cui almeno i 2/3 dei soci abbiano un’età inferiore a 40 anni;
  • le società di capitali in cui oltre il 50% del capitale sociale è sottoscritto da persone con età inferiore ai 40 anni e oltre il 50% dei componenti degli organi di amministrazione della società sono persone con età inferiore ai 40 anni.

Il requisito dell’età deve essere soddisfatto al momento della presentazione della domanda.

Home      Notizie      Documenti

 

 

free counters